Connect
To Top

Migrazione uccelli stagionale: come funziona e quali fattori incidono

Uno degli spettacoli più straordinari della natura, che dura da migliaia di anni: la migrazione degli uccelli. Vediamo perché gli uccelli migrano.

La causa che determina la migrazione degli uccelli, sembrerebbe legata alla durata del giorno – il cosiddetto fotoperiodismo – quando la durata del giorno di riduce iniziano le aggregazioni che sono preludio della partenza alle migrazioni. Il ritorno invece sarà stimolato dalla durata dell’illuminazione primaverile. I territori da cui parte la migrazione sono detti di nidificazione, mentre quelli verso cui è diretta sono detti di riposo o di svernamento. 

Sono stati condotti diversi studi ornitologici sulle migrazione degli uccelli utilizzato osservazione e metodi di campionamento in corrispondenza dei punti di confluenza delle rotte aeree. 

L’Italia è interessata dal passaggio di specie che dal Nord-Europa si dirigono verso l’Africa, ma anche da specie che arrivano a partire dal periodo tardo-invernale fino a quello estivo per via della riproduzione, oppure da specie che vengono a sventare in Italia da territorio più a Nord.

Come si orientano gli uccelli che migrano?

Il più grande mistero della migrazione degli uccelli è l’orientamento. È impressionante la straordinaria capacità di orientamento seguendo rotte tra continenti e oceani. Come fanno a orientarsi durante la migrazione? Gli scienziati hanno scoperto che gli uccelli migratori utilizzano diverse tecniche:

  • L’orientamento magnetico, si tratta di sensori chimici all’interno del cervello, negli occhi e nel becco che permettono di allinearsi con i campi magnetici terresti.
  • L’orientamento geografico, è possibile –almeno in alcune specie – che percorrendo la stessa rotta migratoria diverse volte si impari a orientarsi seguendo la forma delle croste, lo scorrimento dei fiumi o il profilo delle montagne. 
  • L’orientamento astronimico, gli uccelli sono in grado di orientarsi seguendo le costellazioni delle stelle;
  • La memoria collettiva, i più giovani imparano le rotte viaggiando insieme ai genitori e ai viaggiatori più esperti dello stormo. 

Per ogni specie di uccelli che migra ci sono delle rotte diverse, un uccello migratore può arrivare a viaggiare anche per tremila chilometri al giorno. 

More in animali domestici

Copyright © 2020 Politicaonline